VPS Topserver: che ci sarà tanto da dire? 16


C’è chi dice “bene o male purché se ne parli”. Noi pensiamo che parlare onestamente e in modo costruttivo dei VPS Topserver sia meglio ed è per questo che premieremo chi lo farà.

topserver-perché-se-ne-parla?

  • Hai scritto qualcosa di approfondito o articolato su Topserver?
  • Usi Topserver con profitto e sei riuscito a realizzare qualcosa di utile?
  • Hai scoperto una chicca su Topserver e vuoi condividerlo?

Scrivilo su Facebook, postalo su Twitter, inserisci le tue osservazioni sui forum, prepara un articolo per il tuo blog e poi inviaci il link nei commenti di questo articolo.

Per ogni articolo originale, con contenuti degni di nota, finanzieremo la tua permanenza nel web, proprio così, ti daremo la possibilità di continuare ad usare i Topserver ad un prezzo simbolico.

A presto.


16 commenti su “VPS Topserver: che ci sarà tanto da dire?

    • Tophost L'autore dell'articolo

      Bell’articolo Evilripper. Ora la creazione delle macchine è stata velocizzata ed è solo questione di qualche minuto.

    • Tophost L'autore dell'articolo

      Un test approfondito e una regolazione del server veramente di fino, non c’è che dire.

  • Tophost L'autore dell'articolo

    Matteo Rossini, installa OpenVZ dentro TOPSERVER e pubblica anche la procedura di installazione.

    http://vz.z01.eu:10080/

    OpenVZ vs. VPS
    Questa pagina risiede su un container OpenVZ (Slackware 13.37) installato su un VPS di TopHost (CentOS 6.2).

    Per chi si sta chiedendo chi possa essere tanto masochista da installare una macchina virtuale dentro un’altra macchina virtuale, la risposta e’: IO 🙂
    Per chi invece si sta chiedendo quale ne sia l’utilita’ rispondo: NESSUNA 🙂
    Per chi allora si sta chiedendo il perche’ l’ho fatto rispondo: scopo didattico 😉

    Procedura di installazione
    0) creiamo una immagine dal pannello di controllo di Topserver (dovremo "giocare con il bootloader" ed è meglio non rischiare di perdere tutto)

    1) assicuriamoci che il sistema sia aggiornato:
    # yum update

    2) con buona probabilità sarà stato aggiornato anche il kernel. Assicuriamoci che funzioni il boot:
    # ls /boot
    initramfs-2.6.32-220.17.1.el6.x86_64.img
    vmlinuz-2.6.32-220.17.1.el6.x86_64
    # vi /boot/grub/menu.lst
    sostituire:
    kernel /boot/vmlinuz-2.6.32-220.el6.x86_64 ro root=/dev/xvda1
    initrd /boot/initramfs-2.6.32-220.el6.x86_64.img
    con:
    kernel /boot/vmlinuz-2.6.32-220.17.1.el6.x86_64 ro root=/dev/xvda1
    initrd /boot/initramfs-2.6.32-220.17.1.el6.x86_64.img
    un errore quì e sarà necessario ricostruire il sistema partendo dall'immagine creata all'inizio.

    3) importiamo la GPG key per i nuovi pacchetti:
    # rpm --import http://download.openvz.org/RPM-GPG-Key-OpenVZ

    4) aggiungiamo il nuovo repository
    # wget -P /etc/yum.repos.d http://download.openvz.org/openvz.repo

    5) installiamo il nuovo kernel
    # yum install vzkernel.x86_64 vzkernel-devel.x86_64 vzkernel-firmware.noarch

    6) assicuriamoci che il kernel non venga sostituito in futuro da uno 'standard':
    # vi /etc/yum.conf
    inseriamo "exclude=kernel*" nella sezione "main"

    7) assicuriamoci il boot con il vzkernel
    # ls /boot
    initramfs-2.6.32-042stab055.16.img
    vmlinuz-2.6.32-042stab055.16
    # vi /boot/grub/menu.lst
    sostituire:
    kernel /boot/vmlinuz-2.6.32-220.17.1.el6.x86_64 ro root=/dev/xvda1
    initrd /boot/initramfs-2.6.32-220.17.1.el6.x86_64.img
    con:
    kernel /boot/vmlinuz-2.6.32-042stab055.16 ro root=/dev/xvda1
    initrd /boot/initramfs-2.6.32-042stab055.16.img
    un errore quì e sarà necessario ricostruire il sistema partendo dall'immagine creata all'inizio.

    8) installiamo i tool per gestire openvz:
    # yum install vzquota ploop ploop-lib
    # yum install vzctl

    9) aggiustiamo qualche parametro del kernel
    # vi /etc/sysctl.conf
    commentare:
    net.ipv4.ip_forward = 0
    e aggiungere:
    net.ipv4.ip_forward = 1
    net.ipv4.conf.default.proxy_arp = 0
    net.ipv4.conf.all.rp_filter = 1
    kernel.sysrq = 1
    net.ipv4.conf.default.send_redirects = 1
    net.ipv4.conf.all.send_redirects = 0
    net.ipv4.icmp_echo_ignore_broadcasts = 1
    net.ipv4.conf.default.forwarding = 1
    net.ipv6.conf.default.forwarding = 1
    net.ipv6.conf.all.forwarding = 1

    10) configurazione di vz:
    # vi /etc/vz/vz.conf
    sostituire
    NEIGHBOUR_DEVS=detect
    con:
    NEIGHBOUR_DEVS=all

    11) disabilitare iptables al boot
    # service iptables stop
    # chkconfig iptables off

    12) incrociamo le dita e riavviamo il sistema
    # reboot

    13) assicuriamoci di aver caricato il nuovo kernel
    # uname -r
    2.6.32-042stab055.16

    14) installiamo un pannello di controllo per semplificarci la gestione di openvz
    # wget -O - http://ovz-web-panel.googlecode.com/svn/installer/ai.sh | sh

    A questo punto openvz è pronto. Non ci resta che creare i container.
    1) scarichiamo qualche immagine da http://download.openvz.org/template/precreated/
    # wget -P /vz/template/cache http://download.openvz.org/template/precreated/contrib/slackware-13.37-x86_64-minimal.tar.gz

    2) restartiamo la gui per rileggere i template
    # service owp restart

    3) usiamo la gui:
    - puntiamo con il browser a http://tuoip:3000
    - La login di default è admin/admin (magari cambiamola al primo login)
    - click su localhost
    - click su Create Virtual Server
    * ServerID 100
    * OS Template: slackware-13.37-x86_64-minimal
    * Server Template: vswap-256m
    * Description: Slackware
    * IP Address: 129.0.0.100
    * Hostname: vz100
    - click su additional settings
    * Disk space 1000
    * RAM 128
    * CPU Units 500
    * Number cpus: 1
    * CPU limit: 25%
    * DNS server 212.25.179.126
    * Start on boot: yes
    - click su create

    4) vediamo lo stato:
    # vzlist -a
    CTID NPROC STATUS IP_ADDR HOSTNAME
    100 9 running 129.0.0.100 vz100

    5) "entriamo" nel container e diamo qualche comando
    # vzctl enter 100
    entered into CT 100
    root@vz100:/#

    root@vz100:/# ifconfig
    lo Link encap:Local Loopback
    inet addr:127.0.0.1 Mask:255.0.0.0
    inet6 addr: ::1/128 Scope:Host
    UP LOOPBACK RUNNING MTU:16436 Metric:1
    RX packets:0 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
    TX packets:0 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
    collisions:0 txqueuelen:0
    RX bytes:0 (0.0 B) TX bytes:0 (0.0 B)

    venet0 Link encap:UNSPEC HWaddr 00-00-00-00-00-00-00-00-00-00-00-00-00-00-00-00
    inet addr:129.0.0.100 P-t-P:129.0.0.100 Bcast:129.0.0.100 Mask:255.255.255.255
    UP BROADCAST POINTOPOINT RUNNING NOARP MTU:1500 Metric:1
    RX packets:0 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
    TX packets:0 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
    collisions:0 txqueuelen:0
    RX bytes:0 (0.0 B) TX bytes:0 (0.0 B)

    root@vz100:/# df
    Filesystem 1K-blocks Used Available Use% Mounted on
    /dev/simfs 1024000 101984 922016 10% /
    devtmpfs 131072 12 131060 1% /dev
    root@vz100:/# free
    total used free shared buffers cached
    Mem: 262144 11192 250952 0 0 7264
    -/+ buffers/cache: 3928 258216
    Swap: 524288 8 524280

    root@vz100:/# exit
    exited from CT 100

    6) loggiamoci in ssh
    # ssh root@129.0.0.100
    root@129.0.0.100's password:
    Linux 2.6.32-042stab055.16.
    root@vz100:~# ps -ef
    UID PID PPID C STIME TTY TIME CMD
    root 1 0 0 22:52 ? 00:00:00 init [3]
    root 2 1 0 22:52 ? 00:00:00 [kthreadd/100]
    root 3 2 0 22:52 ? 00:00:00 [khelper/100]
    root 182 1 0 22:52 ? 00:00:00 /sbin/udevd --daemon
    root 201 182 0 22:52 ? 00:00:00 /sbin/udevd --daemon
    root 202 182 0 22:52 ? 00:00:00 /sbin/udevd --daemon
    root 245 1 0 22:52 ? 00:00:00 /usr/sbin/syslogd
    root 363 1 0 22:52 ? 00:00:00 /usr/sbin/sshd
    root 375 1 0 22:52 ? 00:00:00 /usr/sbin/crond -l notice
    root 470 363 0 22:59 ? 00:00:00 sshd: root@pts/0
    root 472 470 0 22:59 pts/0 00:00:00 -bash
    root 483 472 0 23:00 pts/0 00:00:00 ps -ef
    root@vz100:~# exit
    logout
    Connection to 129.0.0.100 closed.

  • Musikele

    Salve,
    io che mi sto lanciando nel mondo dei server web (lato admin intendo) vorrei avere un punto di incontro, non so magari un blog, un forum, un sito dove poter trovare guide, suggerimenti, aiuti, tricks, insomma un posto dove poter crescere con le conoscenze e competenze.

    Mi piacerebbe trovare guide tipo come installare accedere al server, come far puntare un altro dominio a questo, configurazioni strambe, etc …

    che dite, lo mettiamo su?

    • Zerouno

      Secondo me fornire link a guide è perfettamente inutile. Serve qualcosa dove gli utenti possano esporre i loro problemi o condividere le loro esperienze.

      Mi associo alla creazione del forum. Credo che ormai si faccia urgente, per centralizzare le guide, commenti, esperienze, domande, per non spargere confusionariamente tutto su internet o far diventare questo topic o quelli informativi di facebook tophostlive (considerando poi che non tutti usano i social network) un forum con 10000 post offtopic.

      Si potrebbero fare le sezioni TopHost In generale, TopWeb, TopName, TopServer, GNU/Linux in genere, e tante altre. Secondo me si popolerebbe all’istante.

I commenti sono chiusi.